Alessia Pifferi, dal carcere spunta il diario segreto: “Era la luce della mia vita”

Accusata di omicidio della figlia di 18 mesi lasciata in casa da sola, Alessia Pifferi torna a far parlare. Cosa dice il diario

dal carcere Alessia Pifferi torna a parlare, lo fa con il diario
Alessia Pifferi-ANSA FOTO yeslifemagazine.it

Alessia Pifferi torna a far parlare di sè. La donna di 37 anni che ha abbandonato la sua bambina di 18 mesi sola in casa è in carcere a scontare la pena per omicidio. La piccola sarebbe morta di stenti quando la madre l’ha lasciata in casa da sola per un weekend. Dal Carcere di San Vittore, Alessia Pifferi torna a far parlare di sè e del rapporto che la legava alla piccola Diana.

Il programma televisivo Quarto grado avrebbe portato alla luce un diario segreto che Alessia scriveva e che rivela notevoli particolari sul legame con la figlia. Sono parole toccanti che dedica alla sua piccola Diana, una luce di speranza in fondo ad una vita fatta di sofferenze e di dolore.

Alessia Pifferi ricorda con amarezza e dolore tutti i fallimenti a cui ha dovuto sopperire. Riguardo la piccola Diana confessa di aver vissuto momenti speciali con la bambina ma che, al suo rientro a casa, l’incontro con lei è stato drammatico. La piccola Diana era già morta.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Il controverso omicidio della piccola Annarella: il corpo gettato nel pozzo

“La mia bambina mi manca tantissimo”, cosa scrive dal carcere Alessia Pifferi. Le rivelazioni dal diario segreto

Alessia Pifferi torna a parlare dal carcere, lo fa con il diario
Cella di carcere – Foto Pixabay yeslifemagazine.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Saluta il marito e va a dormire, muore poco dopo. Richiesta l’autopsia sul corpo della 48enne

Alessia Pifferi racconta la sua vita in carcere e trova spazio nei suoi racconti per ricordi e frammenti della vita prima della tragedia: “La mia bambina mi manca tantissimo. Mi manca prendermi cura di me stessa, esteticamente e fisicamente, mi manca anche la mia casa e i miei vestiti. Mi manca cucinare, pulire e il ballo.

Sembra un ripasso, come a voler fermare degli attimi che non ora non sono più: “Sono sempre stata una ragazza attiva, solare, dolce e seria soprattutto, ma da quando mi trovo in carcere per la perdita di mia figlia Diana mi sento sempre più giù. E più vado avanti e più è peggio.

scoperto diario segreto di Alessia Pifferi, ancora in carcere
diario -Foto Pixabay yeslifemagazine.it

I particolari sul ritrovamento del corpo della piccola Diana sono inquietanti: “Quel mercoledì quando sono tornata a casa ho aperto la porta velocemente per mangiarmela di baci, invece l’ho trovata con gli occhi mezzi aperti, le mani e i piedi scuri

Impostazioni privacy