Neonato morto soffocato dalla madre, fumo: stretta sulle sigarette anche all’aperto: VIDEO nel TG di Yeslifemagazine

Le principali notizie del TG di Yeslife per rimanere sempre aggiornati su quello che accade in Italia e nel mondo.

Matteo Messina Denaro arresto
Matteo Messina Denaro (ansa foto) yeslifemagazine.it

Dopo aver scovato uno dei bunker di Matteo Messina Denaro sono iniziati i guai per un cittadino che non ha nulla a che vedere con la mafia ma che ha aiutato gli inquirenti nelle indagini. Come ben si sa chi aiuta la Polizia non è ben visto da Cosa Nostra e questo potrebbe portare delle temibili conseguenze all’uomo in questione, il quale ora non vuole che si sappia il suo nome.

«Era una questione di coscienza, non potevo far finta di niente. Era il mio dovere, sì dovere: non voglio infatti passare per eroe, ma non voglio neppure che si sappia chi sono», ha dichiarato il cittadino che ora ha paura di essere punito dalla mafia.

Neonato muore soffocato mentre veniva allattato

neonato morto durante allattamento
Neonato (ansa foto) yeslifemagazine.it

Tragedia a Roma, presso l’ospedale Sandro Pertini. E’ avvenuta nella notte tra il 7 e l’8 gennaio quando una donna dopo aver partorito ha chiesto di poter aver il suo piccolo tra le braccia. Mentre lo allattava, però, si è addormentata e non si è accorta che nel sonno l’ha schiacciato e conseguentemente soffocato.

Ora la donna, 30 anni, è considerata dagli inquirenti la parte offesa: il bambino non doveva rimanere tra le sue braccia ma dopo essere stato allattato, secondo protocollo, andava riportato in culla.

Si tratta del co-sleeping una delle principali cause di morte tra i neonati.

Fumo, ministro Schillaci sulle cure dei tumori associati

fumo sigarette tumori
Fumo (ansa foto) yeslifemagazine.it

Il fumo rappresenta un problema non solo per la salute ma anche per il Servizio Sanitario Nazionale poiché è la causa di tumori che gravano con un costo annuale superiore agli incassi delle accise sul tabacco.

“Stiamo verificando quale sia lo strumento più idoneo per intensificare i divieti, anche all’aperto”. Infatti risulterebbe inutile investire più soldi nel fondo sanitario nazionale considerando che poi i malati colpiti da patologie più serie aumentano e con loro le spese per le cure.

La stretta interesserà anche le sigarette elettroniche che pur essendo senza combustione non si hanno prove che non siano altrettanto nocive.

GUARDA IL VIDEO: 

 

Impostazioni privacy