Kebab, cosa c’è davvero dentro? UN VIDEO dice tutta la verità

Kebab, tutti lo mangiano e lo adorano ma sappiamo cosa contiene e come viene realizzato? Un filmato ci mette in guardia

Kebab piadina
Piada con Kebab (Pixabay) YESLIFEMAGAZINE.IT

È il tipico cibo mediorientale ma da diversi anni ormai è diventato popolarissimo in tutto il mondo, Italia compresa. Parliamo del kebab, piatto a base di carne arrostita e arricchito con salse e vari condimenti che nella maggior parte dei casi si mangia racchiuso nel panino, quello tradizionale o ancora meglio in quello turco o arabo.

Dietro il kebab c’è una tradizione antichissima. Si narra, infatti, che nel Medioevo le spade dei soldati ottomani e persiani venivano anche usate con spiedi per cuocere la carne al fuoco. Oggi per cuocere il kebab si usa uno spiedo meccanico che ruota su sé stesso e che a fuoco lento permette ad un pezzo intero di carne di cuocere lentamente e poi viene affettato in senso verticale. Ma vi siete mai chiesti cosa ci sia davvero dentro quel pezzo di carne che vediamo esposto? La verità sta tutta in un video.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Conosci il costo di un hamburger negli anni 80? Il paragone con oggi vi lascerà senza parole

Kebab, come viene fatto? Tutta la verità nel VIDEO

Kebab locale
Locale di Kebab (Ansa Foto) YESLIFEMAGAZINE.IT

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Bonus busta paga nel mese di Novembre: tutte le cifre

Sui social ormai si trova di tutto. Non solo contenuti divertenti ed ironici, ma anche molti contributi informativi ed interessanti. Tra questi ci sono i video realizzati da Sprezzel_Channel, tiktoker specializzato nell’ambito food che lancia tantissimi contenuti di approfondimento che ci mettono in guardia dai falsi miti. A seguirlo oltre 30 mila utenti sul social dei giovani.

E proprio lui ha svelato cosa si nasconde dietro quella che è spacciata come carne di kebab che per tradizione mediorientale dovrebbe essere composta da pezzi di carne di montone, agnello, pollo e tacchino impilati uno sull’altro.

In realtà, spiega il giovane, nella maggior parte dei casi si tratta di “scarti industriali tra cui ossa, frattaglie, carcasse, pelli, zampe, teste, occhi, unghie e via dicendo che vengono pressati meccanicamente e ridotti in una poltiglia. A questo si aggiungono poi additivi chimici e modalità di conservazione non proprio accurate. La maggior parte viene prodotto all’estero.

Si tratta, conclude, Sprezzel_Channel, di un alimento con elevati livelli di sale e grassi saturi. Non tutti i kebab, però, sono di scarsa qualità.

@sprezzel_ Chi non conosce il Kebab? Piatto turco famosissimo dalle origini medievali ottomano-persiane. Nel medioevo infatti (e non solo), le spade dei soldati venivano impiegate come spiedo per cuocere la carne sul fuoco. Purtroppo però ora non è più come ci dice la storia (nel senso che di carne vera e propria ne è rimasta ben poca). Ciò che troviamo sul mercato nella maggior parte dei casi è poltiglia pressata, estratta da scarti animali, piena di additivi chimici e malamente conservata. Si tratta di un alimento con elevati livelli di sale e grassi saturi. Se proprio non riuscite a farne a meno, preferite posti con carne di qualità. Fatemi sapere cosa ne pensate! #strangefood #bizarrefood #cibosano ♬ suono originale – Sprezzel_Channel

Quelli dove gli strati di carne sono ben visibili indicano che quel kebab è stato realizzato come da tradizione, quando si tratta di un pezzo unico allora è evidente che siamo davanti all’uso della poltiglia. Insomma il consiglio è uno solo: se proprio non siamo sicuri della provenienza, è meglio fare a meno del kebab, ne va della nostra salute.

Impostazioni privacy