Morto Vittorio Vallarino Gancia, l’imprenditore era stato rapito dalle Brigate Rosse

Lutto nel mondo dell’imprenditoria: è morto a 90 anni Vittorio Vallarino Gancia, l’imprenditore del vino astigiano.

morto l'imprenditore astigiano Vallarino Gancia
spumante – Foto Pixabay yeslifemagazine.it

Ha guidato per decenni la storica casa vinicola Gancia, fondata dal bisnonno nel 1850. Lutto nel mondo dell’imprenditoria oggi con la notizia della morte di Vittorio Vallarino Gancia, l’imprenditore astigiano di 90 anni.

Una storia fatta di tradizioni ma anche di innovazioni dato che Vittorio Gancia ha portato l’azienda familiare a diventare leader nel settore a livello italiano ed europeo. Gancia era nato il 28 ottobre 1932 e rappresentava la quarta generazione a dirigere l’azienda fondata dal bisnonno, Carlo Gancia.

Attualmente, sono dirigenti dell’azienda i suoi due figli Massimiliano e Lamberto. Un impegno di una vita fatto di sacrificio e di storia del vino che ha trasformato l’azienda e le sue produzioni.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Due anziani trovati morti nel proprio appartamento: la verità è sconcertante

Dopo tutti i suoi successi fu rapito dalle Brigate rosse: come è andata

morto Vallarino Gancia, imprenditore del vino
Vallarino Gancia – ANSA FOTO – yeslifemagazine.it

Il suo lavoro all’interno dell’azienda è cominciato nel 1957 quando Vittorio Vallarino Gancia ha ottenuto un primo incarico dall’ufficio esportazione. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze Politiche all’università di Torino, è stato nominato direttore generale della Fratelli Gancia&C.

Nel 1973 è amministratore delegato e nel 1984 Presidente. Nel 1975 è protagonista del sequestro da parte delle brigate rosse. Il giorno dopo venne liberato e costo la vita ad un carabiniere: l’appuntato dell’Arma Giovanni D’Alfonso. Morì nell’incidente legato a Vittorio Vallarino Gancia la brigatista Margherita Cagol.

Anni di sacrificio e di lavoro legato all’azienda vinicola ha dato grande impulso commerciale con una radicale trasformazione tecnologica. Tra i titoli onorifici ricevuti si ricorda quello di Cavaliere del Lavoro e l’Ordine al merito della Repubblica Italiana.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Accusato di tortura e sevizie: arrestato a Brescia foreign fighter

morto Vallarino Gancia, fu rapito dalle BR
vigneto- Foto Pixabay yeslifemagazine.it

Tra i successi dell’azienda la commercializzazione degli spumanti secchi, ha iniziato la produzione del Pino della Rocca de Giorgi, diventato poi spumante doc. E’ stato anche Presidente di Federvini, di Unione vini e della Camera di commercio di Asti. Nel 1980 ha creato il Pinot di Pinot, selezione dei migliori pinot italiani con un nuovo ed importante mercato internazione.

 

Impostazioni privacy