Tragedia in Grecia, stop auto benzina e diesel, divorzio in Italia: VIDEO

Le principali notizie del TG di Yeslife per rimanere sempre aggiornati su quello che accade in Italia e nel mondo.

tragedia Grecia: scontro treni
Treni Grecia (ansa foto) YESLIFEMAGAZINE.IT

Tragedia in Grecia, dove in un incidente tra treni sono morte almeno 40 persone. Altre 85 sono rimaste ferite. È successo nei pressi della città di Larissa, nella regione centrale della Grecia: intorno alla mezzanotte ora locale un treno passeggeri in viaggio tra Atene e Salonicco con 350 passeggeri a bordo si è scontrato con un merci nei pressi della città di Larissa. Tre carrozze sono deragliate e una ha preso fuoco. Arrestato il capostazione di Larissa dato che non avrebbe avvisati uno due treni dell’arrivo dell’altro. l’impatto è stato così grave che ”non è rimasto nulla delle prime due carrozze”.

Stop automobili benzina e diesel

Automobile benzina e diesel: controlli
Automobile benzina (ansa foto) YESLIFEMAGAZINE.IT
Era già stato annunciato che dal 2035 partirà lo stop alla vendita di auto benzina e diesel. A tal proposito si terrà mercoledì a Bruxelles un vertice in cui si riuniranno gli ambasciatori degli Stati membri dell’Unione Europea. La posizione dell’Italia è chiara fin da ora: esprimerà, infatti, una posizione contraria alla proposta. Ovviamente, il Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica fa sapere che vengono assolutamente condivisi gli obiettivi di decarbonizzazione, tuttavia, essi devono essere raggiunti grazie a “una transizione economicamente sostenibile e socialmente equa”. La vendita esclusivamente di auto elettriche dovrebbe partire nel 2025 in Norvegia e Paesi Bassi, nel 2030 Germania, tra il 2035 e il 2040 in Italia e Francia.

Divorziare non è mai stato così semplice

Fedi nuziali: divorziare mai stato così semplice
Fedi nuziali (ansa foto) YESLIFEMAGAZINE.IT

Divorziare non sarà mai stato così semplice e rapido. Da oggi entrano in vigore le nuove norme introdotte con la riforma Cartabia, volte ad accorciare i tempi procedurali a circa otto mesi. Tramite un unico procedimento si potranno richiedere separazione e divorzio. Entro lo scadere dei novanta giorni, il giudice istruttore dovrà fissare la prima udienza. Ma a fronte dell’accorciamento delle tempistiche, la mole dei documenti da presentare non mancherà di aumentare. Servirà infatti una panoramica sulla situazione reddituale e sarà prevista una condanna per risarcimento danni per il genitore o il coniuge che dovesse celare alcuni dei propri redditi. Novità anche per quanto riguarda le coppie con figli, che dovranno presentare un piano con le attività dei minori e un piano di visite. Non verrà meno, invece, l’obbligo di ascoltare i minori per i provvedimenti che li riguardano.

GUARDA IL VIDEO:

Impostazioni privacy