Ritrova un cacciatore morto nel bosco e poi si suicida, è giallo

È ancora avvolta nel dubbio la vicenda che si è consumata in Trentino: un 59enne ha ritrovato un cacciatore morto e poi si è tolto la vita: c’è un legame?

Cacciatore fucile
Cacciatore (Pixabay) YESLIFEMAGAZINE.IT

Sono avvolti nel mistero i fatti che si sono svolti negli scorsi giorni in Trentino-Alto Adige e per la precisione nella frazione di Celledizzo. È qui che si indaga per fare luce sul ritrovamento di un giovane cacciatore di 24 anni Massimo Lucietti, ad opera di un 59enne che ha dato subito l’allarme.

24 ore dopo però anche il corpo dell’uomo è stato trovato senza vita. Secondo le ricostruzioni il 59enne di cui non sono state rese note le generalità, si sarebbe suicidato con un fucile da caccia. A ritrovarlo in un posto diverso della zona del ritrovamento di Lucietti, i carabinieri insieme a vigili del fuoco e volontari che avevano iniziato le ricerche.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Famoso musicista incastrato per l’omicidio della moglie. La verità portata nella tomba

Cacciatore morto e 59enne suicida: si indaga

Fucile caccia
Fucile da caccia (Pixabay) YESLIFEMAGAZINE.IT

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Agricoltore muore mentre è al lavoro: attacco fatale di uno sciame di vespe

Sulla strana vicenda la Procura ora ha aperto un fascicolo ed indaga per omicidio colposo a carico di ignoti. Si cerca di capire se le due morti siano collegate o meno anche se apparentemente sembra di no. Per avere maggiore chiarezza è necessario prima conoscere maggiori dettagli che emergeranno in seguito all’autopsia che sarà eseguita oggi sul corpo del cacciatore 24enne.

Proprio lui era uscito presto di casa la mattina del 31 ottobre e si era incamminato sui monti poco sopra il paese. Poi il ritrovamento da parte del 59enne che aveva dato l’allarme. Essenziali sono, fanno sapere gli inquirenti, gli accertamenti e le prove balistiche che saranno eseguiti dalla sezione del Ris su tutti gli elementi raccolti: le munizioni, l’arma usata dal 59enne, ma anche il colpo esploso trovato vicino al corpo senza vita di Massimiliano Lucietti.

Ris investigazioni
Ris (Ansa Foto) YESLIFEMAGAZINE.IT

Il 24enne era anche un vigile del fuoco volontario e proprio il comandante Vincenzo Longhi lo ha voluto ricordare descrivendolo come un “ragazzo disponibile, attivo, socievole” che faceva parte del gruppo volontari da circa quattro anni. Si metteva sempre in gioco e dava una mano per aiutare gli altri.

 

RAVE A MODENA, LA POLIZIA SGOMBERA. QUESTA E LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO NEL TG DI YESLIFE

Impostazioni privacy